Edgar Cabanas-Eva Illouz: Happycracy.

COME LA SCIENZA DELLA FELICITÀ CONTROLLA LE NOSTRE VITE – CODICE EDIZIONI

Perché leggerlo 

Le ricerche di psicologia sul tema della felicità sono, da alcuni anni, aumentate a dismisura. La felicità è diventato argomento rilevante nelle riflessioni sulle organizzazioni. I libri che ne parlano sono ormai tantissimi, le frasi motivazionali sui social abbondano, i corsi su come essere felici si moltiplicano. Facile farsi prendere dall’entusiasmo. 

Come tutte le tematiche culturalmente al centro dell’attenzione, anche il tema della ricerca della felicità richiede, però, di essere trattato accogliendo più punti di vista per trarne una comprensione equilibrata del fenomeno. A fianco dei testi sulla psicologia positiva vale la pena, quindi, aggiungere anche qualche voce critica come quella dei due eminenti sociologi contemporanei, Edgar Cabanas ed Eva Illouz, autori di questo libro.  

I due autori raccontano lo sviluppo del movimento psicologico ed economico che all’interno delle università, soprattutto americane, ha messo al centro lo studio della felicità. Le loro ipotesi sociologiche su come il retroterra culturale degli Stati Uniti abbia reso possibile che proprio da lì tutto partisse, hanno un fondamento di verità. Così come l’evidenziare che mettendo al centro della felicità personale solo la volontà del singolo si rischi di perdere di vista il ruolo che il contesto socio-economico ha nel determinare le scelte delle persone ha una sua importanza. 

Pur rilevando una volontà polemica in parte viziata da pregiudizi ideologici, il nostro parere è che Happycracy sia comunque un libro da leggere, una fonte di spunti da considerare.  

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search